AVANTI SAVOIA!

19/05/2018
AVANTI SAVOIA!

Cuneo ha i cuneesi al rhum , tanto famosi da indurre Hernest Hemingway nobel per la letteratura ad una sosta da “Arione” per acquistarli , Alba i suoi vini e il tartufo bianco , il più pregiato al mondo. Persino Genola è conosciuta per le sue “quaquare” ma Savigliano cos'ha di tanto esclusivo da renderla immediatamente riconoscibile? Forse un tempo era considerata il granaio della Granda (sagra del grano), ma oggi le bionde messi hanno ceduto il passo a interminabili distese di mais intensivamente coltivato e pesantemente trattato e la sue campagne sono punteggiate da cupole colme di biogas per poter cavar denaro persino dagli escrementi animali. Ricordano un po' le Yurte , le abitazione mobili delle popolazioni nomadi delle steppe dell'Asia centrale; mongoli, kazaki e uzbeki ma sono assai meno pittoresche e dall'aspetto vagamente inquietante. Forse a tutto questo deve aver pensato il Dr. Saglione quando dalle pagine della stampa locale ha lanciato la proposta di fare di Savigliano non un semplice luogo delle “Terre dei Savoia” ma addirittura la città dei Savoia. Per accreditare la sua iniziativa ha snocciolato un elenco , dotto e lunghissimo di motivi a sostegno del legame tra la nostra città e la stirpe regale. Sono davvero sufficienti i documenti storici, gli atti ufficiali, i palazzi nobiliari per quanto magnifici ed impreziositi da opere d'arte a stabilire un legame tanto intimo, continuo e familiare tale da autorizzare Savigliano ad autoproclamarsi “la città dei Savoia”? Francamente pensiamo di no. Un legame di quel tipo lo vanta invece Racconigi. Si può dire che non esista famiglia in cui nonni, zii o altri parenti non abbiano prestato in passato la loro opera, a vario titolo, alla famiglia reale. Di questo gli abitanti di Racconigi vanno fieri ancor oggi. A Racconigi è nato l'ultimo re d'Italia. A Racconigi è stato battezzato, a Racconigi passavano l'estate i reali. In particolare Umberto II° è sempre stato molto legato a quella città. Chiedetelo a quelli di Racconigi dell'età mia o di Saglione (siamo della leva) vi racconteranno aneddoti, storie, particolari di vita vissuta dai loro progenitori sconosciuti ai più e lo faranno volentieri , con senso di grata e benevola nostalgia , senza il minimo risentimento o rancore classista. Per queste ragioni, più umane che storiche e perciò a parer mio tanto più vere, Racconigi e non Savigliano è la “città dei Savoia”. 

Antonio Giaccardi

Gallery